0
Carrello
Pagina iniziale / CBD Blog / Preparate il vostro olio di CBD – istruzioni passo dopo passo

Preparate il vostro olio di CBD – istruzioni passo dopo passo

Pubblicato il 12. Gennaio 2024

Con la produzione di un olio di CBD, non solo realizzi un prodotto a base di cannabis promettente, ma anche versatile. Il nostro consiglio: utilizza fiori di CBD di alta qualità di Fiori di CBD, per ottenere ancora più benefici e per poter utilizzare facilmente l’intero fiore. Con una semplice guida passo dopo passo, ti mostreremo come produrre il miglior olio di CBD fatto in casa e quali varietà di cannabis sono le più adatte a questo scopo.

Che cos’è l’olio di CBD?

Prima di tutto, è importante chiarire cos’è esattamente l’olio di CBD o le gocce di CBD. Le gocce di CBD vengono prodotte riscaldando leggermente (e quindi per infusione) la cannabis in un “olio portante”.

Come olio portante possono essere utilizzati diversi oli, tuttavia l’olio di cocco e l’olio di semi di canapa sono i più popolari e comuni. Entrambi hanno un sapore gradevole e sono molto nutrienti per la nostra pelle. Questo li rende opzioni versatili sia per applicazioni mediche che topiche. Inoltre, entrambi possiedono forti proprietà antimicotiche e antimicrobiche naturali. Ciò aiuta a prevenire la formazione di muffe e prolunga la durata del tuo olio di CBD. L’olio di cocco contiene addirittura più grassi saturi, che possono legare ancora meglio i cannabinoidi lipofili rispetto all’olio di semi di canapa.

La pianta di cannabis è nota per contenere diversi cannabinoidi. I due componenti più attivi, CBD e THC, sono entrambi idrofobici. Ciò significa che non amano l’acqua e sono respinti dalle molecole d’acqua. D’altro canto, sono entrambi liposolubili e amano legarsi alle molecole di acidi grassi, come quelle presenti nell’olio. Quando la cannabis viene infusa in olio, le molecole di THC e CBD lasciano i fiori o il materiale vegetale e si legano all’olio.

Le piante di canapa e i fiori di CBD sono adatti alla produzione di olio di cannabis.

In Svizzera si hanno due opzioni riguardo le piante di cannabis che si possono utilizzare per produrre il proprio olio di CBD fatto in casa. Ad esempio, si potrebbe usare una pianta di canapa, ma anche una pianta di CBD potrebbe essere utilizzata. Entrambe le piante possono essere coltivate legalmente in Svizzera. A differenza della pianta di canapa, che contiene basse quantità di CBD e THC, in una pianta di CBD, o nelle fiori di CBD, il contenuto di CBD è molto più elevato. Il contenuto di THC in quest’ultima varietà legale in Svizzera è sempre inferiore all’1%. La decisione su quale pianta utilizzare per la produzione di gocce di CBD è una preferenza personale, ma ha un impatto sul risultato finale e sul contenuto di cannabinoidi.

In generale, il CBD, a differenza del THC, non ha effetti psicoattivi. Tuttavia, in Svizzera il contenuto di THC legalmente consentito è inferiore all’1%, il che è troppo basso per produrre un effetto psicoattivo. Nel CBD Shop di Green Passion troverai diversi prodotti a base di cannabis con un basso contenuto di THC (<1%).

Le piante di canapa e i fiori di CBD sono adatti alla produzione di olio di cannabis.

Differenza tra l’uso di cannabis grezza e decarbossilata per la produzione di olio

La differenza tra cannabis grezza e decarbossilata risiede principalmente nei composti cannabinoidi. I composti cannabinoidi presenti nella cannabis grezza sono THCA e CBDA. Quando la cannabis viene riscaldata o vaporizzata, invece, i composti cannabinoidi sono THC e CBD, come quando la cannabis viene inalata. Il processo di riscaldamento e “attivazione” della cannabis è chiamato decarbossilazione.

Tuttavia, è necessario prestare attenzione al riscaldamento, preferibilmente a basse temperature, in modo lento e metodico, altrimenti si rischia di surriscaldare o surriscaldare la cannabis. Questo può portare a un’attivazione non uniforme di THC e CBD o addirittura a distruggere completamente entrambi i cannabinoidi.

Il metodo più semplice per decarbossilare la cannabis è il forno. Una volta aggiunta la cannabis all’olio, bisogna assicurarsi che sia a una temperatura molto bassa per evitare un’ulteriore decarbossilazione. Si potrebbe anche decarbossilare o decarbonizzare la cannabis cruda contemporaneamente all’infusione dell’olio sul fornello. Tuttavia, questo richiede un monitoraggio molto più attento per ottenere i tempi e le temperature giuste e non rovinare l’olio. È quindi consigliabile utilizzare cannabis decarbossilata quando si produce olio di CBD da soli.

Come fare l’olio di CBD da soli

L’aspetto più importante nella produzione di gocce di CBD è evitare di surriscaldarlo. Per prevenire ciò, si potrebbe semplicemente aggiungere del cannabis decarbossilato all’olio e lasciarlo in infusione a temperatura ambiente (al buio) per diverse settimane, invece di riscaldarlo affatto. Il calore nella ricetta sottostante serve solo ad accelerare il processo di estrazione dei cannabinoidi e a combinarli con l’olio. Tuttavia, poiché la ricetta parte già da cannabis decarbossilato, è sufficiente riscaldarlo tra i 50° e gli 80° gradi. A una temperatura più bassa, il THC e il CBD già attivati, così come i terpeni, rimangono preservati.

È qui che entrano in gioco una doppia caldaia o una pentola a fuoco lento (con un’impostazione a bassa temperatura)! Con una pentola normale sul fornello, è molto più difficile riscaldare l’olio anche alla fiamma più bassa ed evitare il surriscaldamento. Inoltre, si creano dei “punti caldi” che distruggono i preziosi cannabinoidi. Tuttavia, l’olio può essere monitorato con un termometro a sonda. Poiché gli oli hanno un punto di ebollizione più alto dell’acqua, spesso non sembrano così caldi come in realtà sono. Ad esempio, l’olio può superare di gran lunga i 100°C, ma non ribollire visibilmente come farebbe l’acqua alla stessa temperatura.

Istruzioni passo-passo

  1. Se la cannabis non è ancora decarbossilata, macinatela o strappatela in pezzi piuttosto piccoli. Quindi, distribuitela uniformemente su una teglia e riscaldatela in forno a 120°C per 25-30 minuti. Per le varietà ad alto contenuto di THC, riscaldare alla stessa temperatura per 50-60 minuti. O 45 minuti per le varietà bilanciate THC/CBD.
  2. Versare quindi l’acqua nella parte inferiore della caldaia e una tazza di olio di cocco nella parte superiore della caldaia. Riscaldare fino a quando non si scioglie. Si può fare anche in una casseruola a fuoco basso/caldo.
  3. Mescolare 7-10 grammi di cannabis decarbossilata nell’olio fuso. Si può anche aggiungere qualche grammo di cannabis macinata.
  4. Riscaldare la cannabis e l’olio a fuoco basso per 30-60 minuti, mescolando di tanto in tanto. È possibile continuare questo processo per diverse ore, anche se molte ricette prevedono solo 20-30 minuti. È possibile controllare la temperatura con un termometro clinico. È importante che l’olio non superi i 90° C. Noi puntiamo a una temperatura target di circa 55-65°C e lasciamo l’olio in infusione per un’ora.
  5. Allo scadere del tempo, foderare un colino con una garza e posizionarlo sopra una ciotola di vetro. Versate quindi la miscela di cannabis e olio attraverso il colino e strizzate la tela di garza per spremere con cura l’olio in eccesso dalla cannabis.
  6. L’olio di cannabis filtrato viene poi versato in un contenitore per la conservazione. È preferibile utilizzare un contenitore di vetro con un coperchio a tenuta stagna. L’olio finito viene poi conservato in un luogo fresco e buio o, non appena si è raffreddato, in frigorifero.

Un olio di CBD fatto in casa viene consumato in media entro sei mesi o un anno. Tuttavia, l’effetto può diminuire un po’ in un periodo di tempo più lungo, poiché il THC viene naturalmente convertito nel cannabinoide dormiente CBN. Tuttavia, finché l’olio non si ammuffisce, non va a male.

Potenze diverse per l’olio di CBD fatto in casa

Senza test di laboratorio, è difficile determinare l’esatta potenza (contenuto di THC e CBD) dei prodotti di cannabis coltivati in casa. Quando si utilizza cannabis coltivata in casa, è probabile che non si conosca l’esatta potenza della varietà e, anche se lo fosse, queste piante possono variare notevolmente a seconda di come vengono coltivate, raccolte, essiccate o conservate. Inoltre, i fenotipi (diverse varianti della pianta) possono presentare differenze.

Per la cannabis acquistata in farmacia con un contenuto di THC e CBD testato, la potenza del prodotto finale dipende anche dall’età della pianta, da come è stata conservata o dal tempo e dalla temperatura di decarbossilazione.

Acquista l’olio di CBD da Green Passion

CBD: ≈10% | THC: <1% In offerta! CBD Öl 10% von DOLOCAN

Quantità:
CBD: ≈20% | THC: <1% In offerta! CBD Öl 20% von DOLOCAN

Quantità:
CBD: ≈30% | THC: <1% In offerta! CBD Öl 30% von DOLOCAN

Quantità:

Fonte: https://homesteadandchill.com/homemade-cannabis-oil/

0

Conferma età

Cliccando su "Sì" confermo di avere l'età richiesta di 18 e di poter visualizzare questo contenuto.

O

Questo webshop è destinato a persone di età superiore ai 18 anni residenti in Svizzera e Liechtenstein.